Novità fresche e profumate

Lasciati ispirare: ecco una selezione delle nostre idee di bello e naturale create per renderti felice.

Piante aromatiche

20 giugno 2018
Per migliorare le vostre ricette alla Carlo Cracco, un espediente molto semplice può essere l’utilizzo di erbe aromatiche. Perché quindi non coltivarle in autonomia per utilizzarle fresche o essiccate?


Le piante aromatiche sono piuttosto semplici da coltivare: lo si può fare in vasi sul balcone o direttamente sul davanzale di una finestra, ma per chi ha la possibilità è preferibile comunque metterle in terra. 
Alcune sono piante annuali, quindi ogni anno vanno riseminate, altre invece spariscono nel periodo invernale per poi rispuntare con l’arrivo della primavera. Altre infine sono perenni e non temono neppure le temperature più rigide.

Le più comuni che ogni anno vanno rinnovate sono basilico e prezzemolo, queste si piantano a inizio primavera, si utilizzano soprattutto fresche e arricchiscono i nostri piatti estivi. Oltre alle varietà tradizionali, al Garden Battistini potrete trovare varietà innovative dai profumi e sapori particolarissimi, questi daranno un ulteriore tocco in più ai vostri piatti: basilico cannella, basilico limone, basilico liquirizia e infine il basilico rosso, ulteriormente più aromatico.
Tra le piante che invece scompaiono durante la stagione invernale per poi riprendere la vegetazione con la primavera troviamo la menta. Attenzione! La menta è preferibile coltivarla in vaso, è una pianta infestante, infatti i suoi rami tendono ad ampliarsi anche in zone molto grandi di terreno, perciò è sicuramente meglio limitarne lo sviluppo ad un vaso!

Tra le perenni ci sono rosmarino e salvia che invece, non solo sopravvivono all’inverno, ma sono molto rustiche e, se piantate in terra, tendono a creare un bel cespuglio fitto.
Di tutte queste essenze si usa principalmente la foglia: non abbiate paura a cimare i vari rametti perché in realtà, questa leggera potatura per uso culinario aiuta la pianta a rinnovarsi in continuazione e a infoltirsi. Chiaramente non possiamo privare la pianta di tutte le foglie perché poi le sarebbe difficile recuperare, procediamo quindi con una leggera cimatura togliendo le parti superiori di qualche rametto e procediamo in alternanza con tutta la vegetazione.
Proseguendo con questa tecnica potete coltivare tantissime varietà diverse e provarle nelle vostre ricette!